Crea sito

La sensualità dell’intelligenza: Gloria Giacosa

Abbiamo intervistato la sensualissima modella ligure Gloria Giacosa.

Cresciuta nell’entroterra ligure, si è trasferita a Milano dove si è laureata ed ha iniziato a lavorare nell’ambito della comunicazione e del marketing.  Gloria Giacosa vanta alcune esperienze televisive, come ospite a Rtl, e Sky sport1, collaboratrice nel programma televisivo Le Iene, inviata per Raisport1, presentatrice dei programmi My Job e Il salotto degli imprenditori trasmessi in streaming e su canali regionali.

Descriviti con tre aggettivi? Solare, sensibile, sensuale.

Quali sono i tuoi pregi e i tuoi difetti? Sono buona di animo e sensibile. Questo è anche un difetto perché sono permalosa e in passato sono stata anche vendicativa. Ora ho capito che la più bella vendetta è la felicità.

Cosa ti piace di più del tuo corpo e cosa meno? Non amo le gambe perché sono muscolose e non sono alta. Ho un seno naturale molto bello. Anche considerando l’età.

Quanto tempo dedichi alla cura del tuo corpo? Faccio 40 min di palestra tutti i giorni , perché lavoro tanto e non ho tempo. Il mio lavoro principale è la consulente per una multinazionale. Questo mi porta a girare molto e a muovermi.

Quando e com’è nata la passione per il lavoro di modella? Mi è sempre piaciuto il mondo dello spettacolo ma non ero abbastanza alta. Con l’avvento dei social, di ritorno da una vacanza, sono stata contattata da vari fotografi dopo aver postato dei miei scatti al mare.

Cos’è per te la sensualità? Non so cosa sia. So solo che chi è sensuale lo è naturalmente, e so che e’ legata anche all’intelligenza. Non va mai ostentata. È come una parola che va detta sottovoce, se urlata perde di efficacia.

Ti senti mai imbarazzata quando scatti senza veli? Si mi sono Imbarazzata, soprattutto subito .. tuttavia non ho mai fatto scatti espliciti. Solo nudo artistico. Di più non ce la farei. Non giudico ma non lo faccio.

Raccontaci com’è nata l’idea del libro “Escile”. Nasce dal fatto che ogni tanto postavo degli screenshot e la maggioranza de i miei seguaci si divertiva e mi chiedeva di farne un libro (ovviamente censurando il nome). Ma mi mancava il tempo. Ora il tempo l’ho trovato. Con l’emergenza coronavirus ho pensato di fare questa cosa per la protezione civile.

Alla luce della tua esperienza quanto valore hanno i social media nella tua vita professionale, e quanto in quella privata? I social sono uno strumento potentissimo di lavoro. Un divertimento.. ma vanno tenuti ben lontano dalla vita privata. Io sono molto diversa nella vita di tutti i giorni da quello che sembro nei social.

Cosa sognavi di diventare da bambina? Sognavo di fare il chirurgo. Non l’ho fatto perché sapevo che ci sarebbero stati dei tagli alla sanità. Avevo paura di studiare molto e di trovarmi a ripiegare su un’altra Specialistica.. in generale l’incertezza legata a tanti anni di studio mi ha fatto optare per un altro percorso di studi.

In piena “era metoo” ti è mai capitato qualche episodio spiacevole? Si mi sono capitati. Tuttavia capitano in tutti i lavori. Ed è sempre successo. Sono solidale con le vere vittime ingenue. Tante mi sono sembrate donne che hanno usato il potere dell uomo per fare carriera (senza sofferenze) e poi quando è scoppiata la polemica hanno usato la polemica per farsi pubblicità.

Le tue preferenze, se ne hai, su Film, musica, libri, cucina? Amo i thriller, i miei film preferiti : il gladiatore, una donna in carriera, due vite al massimo. Amo tutta la bella musica, in particolare la musica trans che è un genere un po’ sofisticato di musica da discoteca e la musica degli anni 80. Non sono una grande cuoca , sto imparando un po’ adesso che sono reclusa in casa come tutti. Mi piace moltissimo il gelato e il pistacchio. Non sono una grande lettrice, nel senso tradizionale del termine, leggo molto ma on-line. Ho letto anche moltissimi libri all’ Università. I testi di semiotica e filosofia mi piacevano molto. Un libro che mi è piaciuto tantissimo e’ quello scritto da Nadia Toffa prima di morire. Un altro libro che ho amato e’ “L’eleganza del riccio”.

Nel mondo dello spettacolo c’è una donna in particolare, o più di una, a cui ti ispiri o che ammiri particolarmente? Lady Diana e Nadia Toffa. Due donne per certi versi molto simili.

Progetti per il futuro? Il mio sogno è avere una famiglia. Professionalmente mi sento realizzata

La nostra gallery dedicata a Gloria Giacosa