Crea sito

Dalla Russia con determinazione – Vera Atyushkina

Abbiamo avuto il grande piacere di intervistare Vera Atyushkina: solare showgirl siberiana!

Nata a Kyzyl nella repubblica di Tuva, nel territorio siberiano a Nord della Mongolia. Arrivata nel 2002 ma è nel 2004 che la sua vita cambia completamente con la partecipazione al concorso televisivo Veline, da lì inizia la sua carriera nel mondo dello spettacolo, tra televisione, teatro, calendari e servizi fotografici.

Ciao Vera e grazie per averi concesso un pò del tuo tempo, per prima cosa come stai vivendo questo periodo di quarantena? Ciao a tutti i lettori del blog, lo sto vivendo abbastanza bene. Dopo aver partecipato al Carnevale di Cento, il 23 febbraio, sono in casa, ormai sono due mesi! Sono russa e sono abituata a seguire le regole fin da bambina. La vita di routine non è cambiata molto, ora però faccio tutto con calma rispetto a prima e senza ansia (tanto poi non devo uscire!): pulisco la casa, sistemo il mio giardino sul terrazzo, curo i miei gattini, dormo di più. Cerco di fare attività fisica, ascolto la mia musica preferita. Ho festeggiato due “Pasque!” (cattolica e ortodossa ma sempre rigorosamente in casa). Ho fatto vari tutorial per far vedere come si può realizzare un albero Pasquale e come noi ortodossi coloriamo le uova! Partecipo a vari video dirette e promuovo due associazioni per la raccolta dei fondi in questo momento drammatico: una per l’acquisto di mascherine che la protezione civile distribuisce nella zona di Bergamo, una delle più colpite, con la Fondazione Mazzoleni. Potete contribuire con un bonifico sull’Iban IT34N 03111 5252 000 000 000 3379 per la zona più colpita, tra tutti quelli che faranno la donazione estrarrò a sorte un vincitore per regalare il mio libro fotografico Hollywoodland (la storia di Hollywoodland sul mio sito www.veraatyushkina.it) e l’altra per aiutare gli animali a non morire di fame grazie all’Associazione @yasvoboden.fund. Potete vedere e seguire tutto sul mio profilo Instagram. Come avete capito cerco di tenermi impegnata sempre, così le giornate volano!

Cosa ti manca maggiormente in questi giorni? Mi manca tanto la mia attività all’aperto! Mi mancano le mie camminate di Nordic Walking, le mie gite, e le mie scoperte di qualche nuovo posto in Italia. Perché questa terra è meravigliosa. Non vedo l’ora di ritornare nella mia palestra lo Sporting Club Leonardo Da Vinci! Soprattutto mi mancano i miei amici che sono pochi, ma sinceri.

Descriviti con tre aggettivi? Elegante, permalosa, buffa

Quali sono i tuoi pregi e i tuoi difetti? Determinata, dolce, saggia – impulsiva, molto golosa “irresistente”…si dice così quando uno non può resistere, vero?

Cosa ti piace di più del tuo corpo e cosa meno? I miei occhi sia per il colore che per il taglio, il più bello del mondo! Le cosce, vorrei averle più magre.

Prima di entrare nel patinato mondo dello spettacolo come Velina di Striscia la notizia, hai svolto vari lavori (anche molto umili) che ricordo hai di quel periodo da straniera in terra straniera? Iniziai il mio primo lavoro in Italia, in Liguria: benzinaia! Avevo imparato le parole e le frasi più importanti che mi potevano servire per lavorare. Avevo una grinta pazzesca in quel periodo e una gran voglia di vivere nonostante fossi in povertà! Mi ricordo come facevo la benzina, le miscele. I ragazzi che mi corteggiavano, anche i carabinieri e i poliziotti. In pausa mi portavano i gelati! Qualcuno veniva con una barca bella da Montecarlo e mi invitava a fare qualche giro, però io dicevo a tutti di no, mi divertivo così. Avevo conosciuto sia persone generose sia dei tirchi che mi chiedevano anche i 20 centesimi del resto! In quell’anno avevo visto per la prima volta il mare. Ho tanti ricordi da scrivere un libro!

Come è cambiata la tua vita dopo Striscia la Notizia? Sono diventata famosa. Ho conosciuto nuove persone, mi sono trasferita a Milano. Sicuramente è cambiato anche il mio lavoro, tutto intorno a me è cambiato tranne me stessa, penso.

Cosa pensi del movimento “metoo”, tu che hai raccontato pubblicamente di alcuni episodi spiacevoli? Ho sentito parlare di questo movimento femminista contro la violenza sulle donne soprattutto nel lavoro. Condivido che dobbiamo essere sensibili tutti, uomini e donne, a questo problema. Anch’io in passato ho rilasciato delle interviste su minacce e molestie che ho subito e che ho combattuto immediatamente con fermezza perdendo anche delle occasioni lavorative. Bisogna non scendere a compromessi e denunciare subito alle autorità ogni tipo di violenza.

Che consigli ti senti di dare alle giovani ragazze che tentano di ritagliarsi un posto in televisione e nel mondo dello spettacolo in genere? Ripeto sempre il mio motto: Nessuno viene a bussare alla tua porta, prendi tu l’iniziativa, partecipa, lanciati, osa, fatti conoscere! Bisogna studiare, imparare quello che piace, coltivare i propri sogni. Partecipare ai vari concorsi, farsi gestire da agenzie o manager seri. Ma se non funziona: fai un’altra prova e cerca sempre delle novità! Siate curiosi. Ognuno ha la sua strada nella vita è importante trovare quella giusta anche se si fanno tanti tentativi non bisogna arrendersi mai!

Moda, Tv, teatro, pubblicità ecc, in quale “veste” ti senti più a tuo agio e qual è stata finora l’esperienza professionale di cui sei maggiormente orgogliosa? Amo tutti questi lavori, perché adoro apparire, conquistare le persone col mio sorriso. Per me questi lavori sono molto divertenti perché ti mettono alla prova, ti consentono di entrare in un personaggio nuovo, anche dimenticando per un momento te stessa. È bello e interessante vederti diversa, è importante anche accettarsi. La tv ti dà più visibilità, il teatro ti riempie il cuore, la moda ed i servizi fotografici sono belli anche perché devi imparare a posare in modi diversi, devi usare non solo corpo, ma soprattutto lo sguardo. Interpretare è bellissimo! Non saprei rispondere in che lavoro mi sento più a mio agio, direi tutti. Se uso la testa, vi direi che l’esperienza professionale di cui mi sento maggiormente orgogliosa è la tv perché hai più visibilità e più lavoro!

Sei anche molto impegnata nel sociale, cosa rappresenta questo aspetto della tua vita? Cerco solo di essere utile nel mio piccolo. Ho fatto una bella esperienza con l’associazione del Giro d’Italia di Handbike www.girohandbike.it che promuove il ciclismo con le braccia per chi non ha più l’uso delle gambe. Sono stata loro “madrina” per due anni ed ho dedicato a loro uno dei mie ultimi lavori fotografici più belli: il calendario di Hollywoodland2018 (potete vedere tutto sul mio sito www.veraatyushkina.it); ora come ho detto all’inizio sto cercando di fare qualcosa per l’iniziativa della Fondazione Mazzoleni per distribuire le mascherine nella zona di Bergamo. Se ho visibilità aiuto con visibilità, ci si sente più “aiutati” aiutando chi ha bisogno. Credo che tutti noi dobbiamo partecipare a queste iniziative anche con poco aiutandosi a vicenda. Questa è l’essenza della natura dell’uomo: l’amore reciproco.

Quanto valore hanno i social media nella tua vita professionale, e quanto in quella privata? Sono un divertimento/passatempo o uno strumento di lavoro? All’inizio è stato solo divertimento. Avevo capito che era molto importante esserci. Ti senti escluso senza i social. Essendo un personaggio pubblico è stato quasi un obbligo aprirli. Ho iniziato molto tardi, facevo la mia vita riservata, ma, non volendo sparire, visto che adesso ogni foto che carichiamo ha il suo valore, ho capito che questo è uno strumento per non uscire dalla memoria. Ho deciso pian piano di recuperare i miei fans, perché quando facevo io la Velina i social non c’erano. Adesso è diventato anche un lavoro, pur rimanendo anche un divertimento. Nei social non parlo troppo della mia vita privata, si sa che ho tre gatti bellissimi! Sono loro ultimamente i veri protagonisti! Tramite i social mi potete conoscere, si ha una grande possibilità di comunicazione col pubblico, quello che in tv non si fa! Spesso mi chiedono se sono io di persona a rispondere e a seguire le mie pagine social, ecco, vi confermo ancora che parlate proprio con me!

Nella tua carriera hai posato per diversi servizi fotografici e anche per calendari più o meno sexy, qual è secondo te il confine tra sensualità e volgarità? E’ importante la posa, lo sguardo, la mimica, in una parola, l’interpretazione. Anche lo stesso scatto e la bravura del fotografo è importante. A volte puoi essere strasexy anche senza scoprirti! Non riesco e non voglio essere volgare, perché sono di natura una bellezza semplice, poi non è proprio il mio stile.

Oramai sei in Italia da parecchi anni, come vivi il rapporto con le tue origini? Cosa pensi del nostro paese? Amo il vostro, ormai il mio, paese! Quello che penso è che voi italiani non apprezzate fino in fondo la bellezza della terra che avete! Dovete prendere più cura di ogni cosa. Dovreste avere leggi più severe, e più rispetto. Siete molto fortunati ad essere nati in Italia, ma per capire meglio la vostra fortuna dovreste provare a vivere in Siberia! A parole è difficile da capire solo sulla pelle si impara. Spero che dopo questa quarantena apprezziate veramente anche la natura e vi prendiate cura dell’ambiente come fate per i vostri figli. Come promemoria nel rispettare la natura pensate a quello che di solito scrivono nei bagni degli autogrill: “Lasciami come mi vuoi trovare!”

Cosa sognavi di diventare da bambina? Da bambina sognavo di diventare una famosa modella, poi, ad un certo punto, volevo diventare il presidente della Russia perché non sopportavo di vedere i deboli in difficoltà, volevo dare le pensioni, un guadagno a tutti, volevo vedere la pace e la gente uguale! Dare a tutti la possibilità di studiare e di essere curati. Mi ferisce la sofferenza dell’umanità.

Le tue preferenze su Film, musica, libri, cucina. Amo guardare i film americani (in America sono davvero i migliori nella cinematografia). Amo i film basati su storie vere. I miei musicisti preferiti sono da sempre gli Enigma, mi piacciono le sonorità del budda bar, la musica House, Vasco Rossi. Leggere non mi è mai piaciuto, preferisco lavorare a maglia, ogni tanto mi piace improvvisare in cucina, scaricare qualche ricetta nuova e metterla in pratica! In generale mangio piatti molto semplici e salutari poi esagero con le patatine fritte e il classico panino superunto! Ma la cosa più buona da mangiare è un bel pesce, o crudo o cotto, ma al ristorante!

Nel mondo dello spettacolo (cinema, moda, tv, ecc) c’è una donna in particolare, o più di una, a cui ti ispiri o che ammiri particolarmente? Nicole Kidman come eleganza, perché a me piacciono le donne eleganti. Cameron Diaz per la sua simpatia e pazzia. Credo che queste due donne mi assomiglino per certi aspetti, chi mi conosce da vicino di solito conferma ciò che sto dicendo.

Progetti per il futuro? Il primo progetto per il futuro è quello di uscire dalla porta di casa! Riprendere in tranquillità la mia vita, poi, vivendo si capisce che cosa ci aspetta. È meglio vivere giorno per giorno senza troppe fantasie per il futuro, come abbiamo capito tutti, perché se accade una cosa più grande di noi, sicuramente non ci chiede se abbiamo dei progetti! Mi impegno a star bene e a proteggere la mia famiglia. Poi, come si dice, un libro lo posso anche scrivere con tutte le mie aspirazioni e i miei progetti e metterci anche la firma, ma la realizzazione non dipende solo dall’impegno e dalla determinazione ma anche dalle circostanze e dalla capacità di saperle cogliere. Voglio concludere con un saluto e una parola conforto a tutti in questo periodo così doloroso e ringraziare tutti quelli che ci danno un grande esempio di umanità e fratellanza con il loro impegno verso tutti gli ammalati e verso chi ha più bisogno.